IL MANIFESTO

Quello in cui crediamo e come lo faciamo

Campamac è una parola del dialetto piemontese che significa letteralmente “mettine ancora, dacci dentro”. È utilizzata come incoraggiamento durante il saluto di arrivederci. È il motto che da sempre usa per suonare la carica alla sua squadra in cucina Maurilio Garola, executive chef del Campamac, già famoso in Langa da più di vent’anni per il suo ristorante, la Ciau del Tornavento, con una stella Michelin, e con una cantina tra le più belle d’Italia. Al suo fianco Paolo Dalla Mora, un giovane manager e imprenditore friulano nato e cresciuto con i genitori e i nonni in un ristorante tra Udine e Venezia, che ha girato il mondo per lavoro coltivando la passione per la carne e il buon vino, per poi fermarsi a Barbaresco per questioni di cuore.

Osteria di livello, è la nostra tradizione di Bistrot. È un suffisso che vuole esaltare le osterie, per quello che realmente sono, dei posti dove si mangia una cucina genuina, fatta con materie prime per lo più locali, una forte attenzione alla semplicità e alla tradizione dei piatti. Non ci sentivamo di ristrutturare questo locale, che un tempo era stato una grande osteria ed enoteca e che stava rovinosamente cadendo a pezzi, mettendogli nuovamente le tovaglie bianche rosse per chiamarlo osteria tradizionale, non ci sembrava rispettoso verso chi le tovaglie così può permettersele perchè ce le ha da sempre. Il vintage è bello quando è originale. Pertanto abbiamo fatto un locale che speriamo possiate ritenere caldo ed accogliente, mantenendo seppur con un’attualità nell’arredamento, le tradizioni delle vecchie osterie di Langa. Non siamo un ristorante, siamo un’osteria, arredata con gusto, ma pur sempre un’osteria. Ci piacerebbe che tutte le Osterie dove l’oste è attento al cibo e al calore del proprio locale si fregiassero di esser “Di Livello”.

Noi per questo ogni giorno facciamo il pane fresco, le paste, i ripieni, i condimenti, selezioniamo le migliori carni di Fassona o provenienti da allevamenti internazionali, che rigorosamente sono state cresciute solo al pascolo e non hanno mai visto un giorno di mangime in stalla. Anche questo per noi significa esser di livello, tentando sempre di dare ai nostri clienti quello che daremo ai nostri figli a casa nostra, ovvero genuinità, passione e gusto. Tutto quello che vedete qui dentro è in vendita nella bottega all’ingresso; i bicchieri e le posate, i piatti, i vini, le paste, le carni e anche le opere appese ai muri. E se volete viaggiare leggeri, vi spediamo a casa quello che desiderate. Ci piace l’idea di aver aperto a Barbaresco, nel cuore delle Langhe, dove nasce un gran vino e dove la maggior parte degli abitanti sono grandi produttori, non per numero di bottiglie, ma per la dedizione con cui fanno grande il loro mestiere. E se vi è piaciuto, o meno, quello che avete mangiato, venite a raccontarcelo in cucina, che è la prima cosa che vedete entrando e l’ultima uscendo. E come si dice da queste parti, CAMPAMAC.

LA CUCINA

Cucina stellata nelle Langhe

Le 2 cucine del Campamac sono le protagoniste, il progetto, creato con l’azienda francese Moltenì, da spazio per scegliere sin dall’entrata quello che si desidera mangiare. Il menu del Campamac è stagionale e più possibile a km 0, segue quello che offre la stagione e che offre la nostra terra: dal tartufo d'alba, ai tajarin, la tipica pasta di Langa con 40 tuorli d’uovo, al vitello tonnato.

Particolare attenzione è data alla Carne, che viene selezionata da Paolo Dalla Mora, il socio di Maurilio, da vacche femmine allevate in Europa in filiera controllata, alimentate esclusivamente a fieno, e poi da noi stagionate con una frollatura di 60 giorni. Inoltre quotidianamente sullo spiedo all’ingresso, girano capretti, maialini, e altri pezzi di carne che compongono il piatto del giorno. Infine solo al venerdì, sabato e domenica, abbiamo un menù di pesce con pescato del mare Adriatico e di San Remo.

I PRODOTTI

Commestibili e rivendita vini

All'ingresso del Campamac potrete trovare uno spaccio con i prodotti (tutti rigorosamente a chilometro zero) che vi serviamo a tavola. Perchè tutti i prodotti che trovate da noi, i cibi, i vini, i piatti i coltelli, le carni sono in vendita per asporto.

Se trovi qualcosa che ti interessa per ora puoi ordinarla scrivendoci qui, ma presto sarà anche in vendita on-line su questo sito

LE CANTINE

Tradizione delle Langhe

Il Campamac ha 3 cantine, una in sala, contentente Bianchi Italiani e Francesi e Gli Champagne. La seconda, al piano inferiore, dove si trovano le bolle Italiane, quali Altalanga, Franciacorta e Trento DOC. La terza, la più grande, sempre al piano inferiore, contenente i rossi.

Principale protagonista è il Barbaresco, suddiviso per i produttori di Barbaresco, Neive e Treiso, i 3 paesi che danno origine alla denominazione. Seguono poi i rossi di Langa, quali Baroli, Barbera, Dolcetto, Nebbiolo e i rossi del Roero. Infine piccola parte della cantina è dedicata ai grandi rossi italiani come Brunello, Bolgheri Rosso, Pinot neri e a una piccola selezione di Borgogna.

Piccoli e grandi produttori compongono una carta dei vini accurata senza essere inaccessibile, potendo permettere di divertirsi con un bicchiere o con una grande annata storica.

CampamART

Portate a casa un po' di Langhe

Al Camapamac tutto è in vendita, oltre ai prodotti alimentari e ai vini le posate di Gio Ponti, i piatti Hybrid di Seletti. Inoltre troverete 3 opere d’arte, che segnano l’ora in maniera inedita, per rendere più piacevole il tempo trascorso con noi. Anche queste sono in vendita su prenotazione.

Sweepers Clock - Marteen Bass - 2009
Analog Digital Clock - Marteen Bass - 2009
A Day In Venice - Marco Tabasso & Robert Andriessen & Tatiana Uzlova - 2017

PARLANO DI NOI

Gli articoli sul "Campamac"

‬  ‬    ‬   ‬    ‬   ‬    ‬ 

Galleria

la nostra immagine "di livello"

Dove Siamo

Strada giro della Valle 1, 12050 Barbaresco (CN)

Prenotazioni

Ci trovi ai numeri: ‬  +39 0173 635051 ‬  e ‬  ‭ +39 345 3724477 ‬
oppure puoi compilare qui sotto: